Prima, vi devo dire che al culmine dei miei 100 chili a gennaio di quest’anno, e un po ‘di più anni fa, io non mi vedevo grassa, non mi guardavo nello specchio, non sceglievo i vestiti che volevo, ma solo quelli che mi stavano, spesso facevo battute sul mio corpo, tutto ciò che accadeva di buono nella mia vita festeggiavo mangiando, oppure perché ero triste, ansiosa, preoccupata, mangiavo per ricordare, per dimenticare, per consolarmi, tutto girava attorno al cibo e tutto “finiva” in cibo nella mia vita, ma, non mi vedevo grassa.

E nonostante l’aspetto “felice”, non mi sono mai intimidita dalle donne più belle, o sentita inferiore a loro, ero infelice, chi mi guardava se ne accorgeva che avevo questa specie di ombra.

Ho un figlio di 12 anni, che è nato molto prematuro e ha una disabilità fisica, grazie a Dio oggi lui sta benissimo, e nel 2009 sono rimasta incinta un’altra volta , perché volevo una gravidanza normale, vedere che cosa si provava ad uscire dell’ospedale con il mio bimbo tra le braccia, fare un percorso normale, ma non era destino, ho perso il mio bimbo al quinto mese di gravidanza. Una volta uscita dall’ospedale sono andata dal mio medico di base e lei mi ha detto che avevo bisogno di mangiare, mangiare quello che mi facesse piacere fino a non sentire più il dolore che portavo dentro, ha detto che dovevo consolarmi e che era il modo che conoscevo, perchè ormai era ora anche che mi accettassi cosi com’ero: “obesa”. E cosi ho fatto, ho mangiato quasi fino ad esplodere, finché un giorno mi rese conto di essere totalmente sbagliata, io non ero solo triste, ma mi stavo anche trattando come una discarica, e non avevo risolto il mio problema, anzi!!!

Quando mangiamo così: per l’ansia, tristezza,ecc., dimentichiamo che il cibo ci soddisfa solo per pochi secondi, ci da solo quello piacere momentaneo e finchè no curiamo il vero problema avremmo sempre fame, e metteremo su peso, diventa come un’abitudine: sono triste=mangio.. Il cibo non dovrebbe essere un premio! Ti ricordi quand’eri piccolo che se ti comportavi bene o finivi tutto il cibo che avevi sul piatto ti premiavano con un dolcetto?? Purtroppo, quando sei grande e mangi tutto quello che ti offrono e poi ti premi anche con un dolcetto, e non fai nessuna attività fisica, ingrasserai e basta…

Ero grassa perché cercavo di risolvere tutti i miei problemi emotivi mangiando, oggi riesco ad identificare la fame emotiva da quella biologica, vado a camminare, vado in palestra, mastico una gomma, e dal momento in cui ho preso coscienza, mi sono reso conto che si trattava di un sistema sbagliato, il mio rapporto con il cibo é cambiato, ho iniziato a fare scelte migliore per il mio corpo e per la mia vita.

L’importante é non mollare mai, prova tutti i giorni se necessario finchè non troverai uno sistema che ti andrà bene.

a presto,

Ale Paintinger

8 thoughts on “Perchè ero grassa…

Lascia una risposta

richiesto